Stemma CFL group 2001
CFl site - Poesie simpatiche e goliardiche pag. 2!

NOMI CHE FANNO ECO

MargheRITA RITAglia il giornale.
Ci sarà anche SALVO SALVO imprevisti.
CHIARA CHIARAmente non parteciperà.
Sta bene OrNELLA NELLA foto!
Ci SARA' SARA?
Ecco mia cugina BeneDETTA DETTA "la maga".
Vi ha serVITO VITO.


DICHIARAZIONE D'AMORE

80 voglia di te
70 ne hai per me e
16 che mi ami
11 sposeremo!!!


LE API

C’è l’aperegina la più comandina,
ma è l’apeoperaia che lavora gaia,
l’apescatrice svolazza sul mare,
l’aperforatrice continua a scavare.
C’è l’apescarese cordiale e cortese,
l’aperugina più cioccolatina,
sud-americana è l’aperuviana
l’apestebubbonica è l’ape nipponica.
L’apennicillina fa medicina,
l’apennichella dorme e riposa
l’apeperonata cucina gioiosa.
L’apercezione prevede il futuro,
l’apercussione suona il tamburo,
però c’è anche l’ape in via d’estinzione,
sapete qual è??
... è l’apensione!!!


IL CACHI

Dolce, squisito, fresco e senza bachi,
frutto non c'è che rassomigli al cachi,
Onde propongo a chi vuol star benone
cachi ogni mattima dopo colazione.


IL PIGIAMA

Ieri sera ti ho cercato tanto...
ho provato ovunque...
ma niente...
di te non c'era traccia...
sono andato a letto senza di te...
mi sentivo nudo...
e il vento passava sul mio corpo...
facendomi provare brividi di freddo...
ma dove eri finito??
PIGIAMA DI MERDA!!


LE CANNE

Un gufo mi guarda
la luna mi sorride
le stelle mi parlano
e le nuvole creano disegni di ogni tipo:
la devo smettere di farmi le canne!!


ORNELLO SCIALOIA

Mi chiamo Ornello Scialoia,
sulla spiaggia uso una stuoia,
in veranda ho una tettoia,
mia madre è di Pistoia,
in giardino ho una sequoia,
mia moglie fa la... sarta!



IL MOSCERINO

Che faccio, ohibò, che faccio?
Lo spruzzo o non lo spruzzo il lavavetri?
Se spruzzo poi la spazzola ti schiaccia
e ti allunghi di due metri.
Se non spruzzo non ci vedo
e il dilemma non si evolve
ma più avanti c'è un semaforo
col polacco che risolve.


L'UCCELLO DEL CACCIATORE

Cacciatore fortunato
che ti riempi la bisaccia.
più non riesci a far peccato
e per questo vai a caccia.
Hai fucile e buona mira,
ma il dilemma è sempre quello:
poiché a te l'uccel non tira,
perché tiri tu all'uccello?


IL GESTO

Se nel modo più palese
vuoi mandare a quel paese,
usa sempre il dito medio
ed a tutto avrai rimedio.
Questo gesto a dito alzato
certamente è un pò sgraziato,
ma a voi tutti do per certo
un risultato e un grande effetto.
E se colui che vede il dito
resta molto sbigottito
e alla vista di quel gesto
è indeciso e molto incerto,
di spiegarlo tenta allora
ma non più di un quarto d'ora.
E se prova a non capire
ed è testardo come un mulo,
a voce tesa puoi finire
con un chiaro.......


OBITORIO

Passano,
Passano e non mi guardano,
Passano,
Passano e non mi vedono.
Passano.
I loro volti ignoti non tradiscono emozioni
Le loro bocche non emettono suoni
Passano... passano... passano...
CHE PALLE LAVORARE ALL'OBITORIO!!!


LA MORTE E' PEGGIORE

Hai la tosse?
Non ti preoccupare la morte è peggio...
Hai il raffreddore?
Non ti preoccupare la morte è peggio...
Hai l'influenza?
Non ti preoccupare la morte è peggio...
Hai la febbre?
Non ti preoccupare la morte è peggio...
Hai la polmonite?
Non ti preoccupare la morte è peggio...
Sei morto?
Non ti preoccupare il peggio è passato!!


DISGRAZIA

L'albero cui tendevi la pargoletta mano,

ti è caduto addosso...e ti abbiam soccorso in vano!!


5 MAGGIO: MOTORE FUSO

Ei fu.
Siccome immobile
dato il mortal sospiro
stette la mia automobile
spider da capogiro.
Così percossa e attonita
la chiave un giro fa...
Muta!
Pensando all'ultimo conto
dell'uom fatale
né so quando una simile
cifra su una cambiale
l'esiguo patrimonio
a prosciugar verrà.
Ei si nomò meccanico
di cacciavite armato.
Sommesso a lui mi volsi
come aspettando il fato.
Ei fè silenzio!
E sul carrello
incominciò il lavoro.
E sparve.
Ed i pistoni
saggiò con una sonda
tolse la retromarcia
e mise la seconda.
E subito fu fumo
e di bruciato odor.
Dall'Alpi alle Piramidi
dal Manzanarre al Reno
sarebbe andata meglio
se avessi tolto il freno.


PIU' ME LO MENO

Più me lo meno
più vengo meno...
per non venir più meno
non me lo meno più
o per lo meno
me lo meno di meno!!


LA SCOREGGIA NELLA STORIA

Sin da quando il mondo aveva
ancor vivi Adamo ed Eva,
era in voga in tutti quanti
un riparo li davanti.
Ma nessun pensò, che strano,
di coprirsi il deretano.
E così dall'orifizio,
per bisogno oppur per sfizio,
calda arietta prima oppressa
variamente fu trasmessa
con sussurro un po' confuso
o con colpo d'archibuso.
In antico i vari suoni
non urtavano i calzoni:
né gli strappi repentini,
capricciosi o pizzichini
né le loffe più discrete
conturbavano la quiete.
La melodica emissione
per anal stimolazione
e anche il peto tracotante
dal fragore dilaniante
ebbe grande rinomanza
e innegabile fragranza.
Tanto grato fu l'odore
di quel vento propulsore
che l'usanza fu apprezzata
e dai posteri adottata
con piacere sovrumano
sia del retto che dell'ano.
Fin da quando sodomiti,
d'ogni musica periti,
per eccesso di misura
s'otturavan l'apertura,
la scorreggia di gran gloria
s'e coperta nella storia.
Sin dai Greci ai Romani,
risonavano i lor ani;
Da Leopardi al grande Volta
di scuregge fu raccolta..
E dai posteri a Berlusconi
Furon mille i scureggioni.


INARRESTABILE

Tu non ti fermi davanti alle apparenze,
tu non ti fermi davanti alle difficoltà,
tu non ti fermi davanti a niente,
e io sono molto preoccupata...
perchè in fondo alla via c'è lo stop.


PIC-NIC

Noi amanti perduti nella tempesta
noi amanti battuti dal vento
noi amanti frustati dall'uragano
amore: ma vaffanculo te e il picnic all’aria aperta!!

Indice barzellette Pagina 1 Torna su